Un po' (molto po') di me

La mia foto
Sono una wannabe-molte cose: giornalista, fotografa, animatrice, interprete, scrittrice, designer. O per meglio dire sono una WANTED TO, visto che ho scelto una carriera da creativa che mi ha portato al niente disoccupazionale. MA sono anche: figlia unica (e assenteista), moglie mutevole; riciclona seriale con tendenza compulsiva all'ammucchio negli angoli, amica leale, tendente alla puntualità cronica e alla lacrima+sigaretta, professionalmente impeccabile. Contraddittoria e mutevole. Cinica e creativa. Stronza, nella maggior parte dei casi.

venerdì 26 luglio 2013

ribelle (1996 SOUNDTRACK OF MY LIFE #32)


Dio mio, quanto mi mancava mio padre.
In quelle sere a cena fatte solo di donne.
In quel bagno che non veniva più chiuso a chiave.
Nei sospiri patetici delle mamme delle amiche che compativano la mia e guardavano storto me e le mie unghie bucate, i miei jeans strappati e l'aria da sfanculizzatevi tutti.




Quanto eravamo poco saggi e ci spezzavamo le ginocchia con quegli affondi acidi che sapevamo avrebbero corroso e che poi, molto poi, molto ORA, ingoiamo di traverso.
Mi sentivo abbandonata e al contempo troppo presente nei suoi pensieri e avrei voluto gridargli se ci tieni tanto a controllarmi muovi il culo invece che il telefono dei tuoi amici e intanto mi infrattavo nei portoni foderati di cannabis e vendevo pelle al miglior richiamo e cercavo alibi a quel bisogno viscerale di mia madre di tirarmi dalla sua parte, senza rendersi conto che ero allo sbando più totale, nel mezzo del tornado, e non sapevo da che parte fosse lei, non avevo punti cardinali.

Se non mi sono mai incasinata davvero, in quegli anni, lo devo solo alla mia buona stella.
Se non ci siamo ammazzati a vicenda, in modo fisico - spiritualmente stiamo ancora contando i cocci - è stato solo culo, sfacciato culo. E paghiamo gli interessi.

12 commenti:

  1. A volte la vita ci chiede di pagare un prezzo alto, solo per essere spettatori di quello che ci ha destinato. altre volte, magananima, ci riserva una piccola comparsata in quel copione già scritto e allora, se siamo fortunati, la nostra buona stella fa il resto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed io sono convinta che, nonostante tutto, la mia buona stella c'abbia dato dentro per bene nel tenermi a distanza di sicurezza dal merdone.

      Elimina
  2. Però ci sei. Però ci siete. Con crepe, ma ancora in piedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e lavoriamo di stucco sulle crepe :-)

      Elimina
  3. Ma grazie al cielo c'era sta stella.

    RispondiElimina
  4. Sei proprio forte! Mi piaci un sacco! Nuova follower ;)
    E dopo questa dichiarazione d'amore ti aspetto se vuoi fare un giretto nel mio blog :3
    Bacio!
    makawrites.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il passaggio e la dichiarazione, passerò presto a farmi gli affari tuoi :-)

      Elimina
  5. I rapporti padre-figlia sono sempre incasinati. I miei, paradossalmente, sono molto più difficili adesso di quando ero adolescente. E non si cresce mai abbastanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. incasinati, hai detto bene. i rancori, le aspettative deluse, i non detti formano un gomitolo inestricabile.

      Elimina

dimmi, dai... anche se devi insultarmi o darmi della cretina...