Un po' (molto po') di me

La mia foto
Sono una wannabe-molte cose: giornalista, fotografa, animatrice, interprete, scrittrice, designer. O per meglio dire sono una WANTED TO, visto che ho scelto una carriera da creativa che mi ha portato al niente disoccupazionale. MA sono anche: figlia unica (e assenteista), moglie mutevole; riciclona seriale con tendenza compulsiva all'ammucchio negli angoli, amica leale, tendente alla puntualità cronica e alla lacrima+sigaretta, professionalmente impeccabile. Contraddittoria e mutevole. Cinica e creativa. Stronza, nella maggior parte dei casi.

sabato 15 giugno 2013

di-struggendo

E poi ci sono i giorni che ti svegli e desideri non vedere altro che buio e invece c'è luce e c'è rumore e c'è vita intorno.
E poi c'è che penso che dovrei farmi curare, da uno bravo.
Che senza alcun segno premonitore ho iniziato a sbattere così forte la tastiera del pc del Consorte contro il muro che l'ho mandata in mille pezzi e mi sono pure tagliata il palmo di una mano e sul muro ho una scena del crimine con tanto di tracce di DNA.

Io non lo so se è normale che mi accanisca contro gli oggetti. Che mi accanisca e basta.
Cammino tanto, corro tanto, faccio tanta cyclette, ma ora non sta più funzionando sto vecchio trucco dello scaricare adrenalina. 
Nemmeno lavando vetri per tre ore filate mi è passata quella voglia di urlare e spaccare qualcosa.

Non lo so cosa ho, cioè lo so, è un minestrone di roba e lo sto tirando fuori nel modo sbagliato. Ossia: c'è un modo giusto?
Vado avanti a tentoni e tentativi.

9 commenti:

  1. Il modo giusto è quello che ti fa stare meglio dopo.

    RispondiElimina
  2. No, io ti capisco bene. Niente fa stare meglio come sfasciare qualcosa. Per quanto brutto sia da dire.

    RispondiElimina
  3. Mi associo a Misantrophia, se ti fa stare meglio continua sulla via dello sfascio. Non credo esista un modo più giusto dell'altro di scaricarsi, l'importante è tirare tutto fuori. L'equilibrio è la cosa in assoluto più difficile di questa vita.

    RispondiElimina
  4. Non ti devi fare vedere da uno bravo. E' normale! Anzi, almeno tu riesci a tirare fuori tutta questa rabbia e tutto il malessere. Piangi, grida, rompi e non fermarti mai. Che quando ti fermi poi sei perduto.
    Continua a seguire quello che ti dice la tua pancia. Vedrai che passerà. Passa tutto.

    RispondiElimina
  5. Trova il tuo modo. Il tuo mondo. Trovalo e non mollarlo. Continua a cercarlo finché non arrivi.

    RispondiElimina
  6. E' tutto lecito: accanirsi sugli oggetti, urlare, piangere, sbraitare, forse solo accanirsi con un coltello sulle persone non è una buona idea...:-)

    RispondiElimina
  7. una settimana fa ho spaccato anch'io un paio di robe. quindi, se può farti stare un po' meglio, sappi che non sei la sola.
    ho anche provato a rispondere al Liebster Award al quale mi avevi nominata una vita fa. provo ad uscire dall'immobilismo che mi attanaglia...
    ciao!

    RispondiElimina
  8. Mi unisco ai tuoi blog_lettori....beh, io alle volte sembro veramente pazza da ricovero. Non so: le osservo le persone che non hanno mai nemmeno un sopracciglio alzato, sempre calme etc...boh, per me non sono troppo normali nemmeno loro perché per me è fantascienza, ecco! Ciao ciao, Liz

    RispondiElimina
  9. Oggi facendo zapping tra vari blog noto un "mal di vivere" generale. Ti dirò, anche io, nonostante sia estate (e questo solitamente mi fa gasare da matti), mi sento fiacca e stanca. Vorrei dormire rilassarmi e non far altro. Ti capisco. Solidarietà e buon wee!

    RispondiElimina

dimmi, dai... anche se devi insultarmi o darmi della cretina...