Un po' (molto po') di me

La mia foto
Sono una wannabe-molte cose: giornalista, fotografa, animatrice, interprete, scrittrice, designer. O per meglio dire sono una WANTED TO, visto che ho scelto una carriera da creativa che mi ha portato al niente disoccupazionale. MA sono anche: figlia unica (e assenteista), moglie mutevole; riciclona seriale con tendenza compulsiva all'ammucchio negli angoli, amica leale, tendente alla puntualità cronica e alla lacrima+sigaretta, professionalmente impeccabile. Contraddittoria e mutevole. Cinica e creativa. Stronza, nella maggior parte dei casi.

sabato 14 novembre 2009

Ciao ciao

E fu così che persi il lavoro.


Perchè uno, in quell'ufficio, non può nemmeno andare a pisciare. Non può avere un'emergenza. Non può avere la diarrea o il vomito o un colpo di tosse o la schiena bloccata o svenire in santa pace sulla tastiera. NO: deve solo occupare ogni secondo disponibile per fissare lo schermo e fatturare e fatturare e fatturare in culo alla correttezza. Premiano chi aumenta il fatturato, non chi cerca di non fottere platealmente il cliente.
Solo che io non son buona a fregare. Nemmeno a fregarmene. E quindi non rendevo, non dicevo abbastanza cazzate, non ero abbastanza spietata. Mah, sarà che conosco le implicazioni legali di quello che faccio... e sinceramente per questi pochi euro di elemosina non ci voglio finire dentro.



Quindi ciao ciao, io non piaccio a loro e loro non piacciono a me.
Ricomincio a cercare. Metto una croce su questo settore e via.

9 commenti:

  1. mi è tanto familiare questa storiella. Mi chiedo: se fossero loro "quelli dall'atra parte"? Quelli a cui per forza e senza troppi scrupoli bisogna propianre un bene o un servizio indipendentemente dal loro reale bisogno? quelli da intortare, sfruttar,e ingannare!?
     

    RispondiElimina
  2. Ecco, è quello a cui penso io.
    Non ce la faccio, per racimolare un mezzo stipendio con cui non vivrò mai, a coprirmi occhi e orecchie.

    RispondiElimina
  3. a testa alta. mi raccomando. :-)

    RispondiElimina
  4. purtroppo l'onestà non paga mai!  che mondo!

    RispondiElimina
  5. Hai ragione. Hai fatto bene. Che di merdacce è già pieno il mondo, finché si riesce è bene tenersi fuori. Per fortuna mia non mi possono licenziare così facilmente, ma sapessi quante volte mi sono accapigliata con gli "operatori statistici" perché a parer loro sono colpevole di tener sospese le pratiche troppo a lungo: se l'invalido non presenta i documenti entro trenta giorni dalla richiesta si respinge l'istanza a buonanotte ai suonatori. E io secondo te respingo così le domande di ottantenni non autosufficienti, di bambini malati, di persone che comunque quando arrivano da me hanno un problema almeno serio? Ma se ne vadano a fan... loro e le statistiche di prodotto. Il lavoro se lo si perde prima o poi lo si ritrova, il rispetto per noi stessi mai più.

    RispondiElimina
  6. hai fatto bene. stringi i denti e vai avanti, orgogliosa di te stessa. bacio

    RispondiElimina
  7. Assolutamente, non chino la testa. Mi sento così leggera, anzi, che guardo in alto...
    Grazie ragazze.

    RispondiElimina
  8. Sei una dura! Complimenti ed in bocca al lupo! :-)

    RispondiElimina

dimmi, dai... anche se devi insultarmi o darmi della cretina...