Un po' (molto po') di me

La mia foto
Sono una wannabe-molte cose: giornalista, fotografa, animatrice, interprete, scrittrice, designer. O per meglio dire sono una WANTED TO, visto che ho scelto una carriera da creativa che mi ha portato al niente disoccupazionale. MA sono anche: figlia unica (e assenteista), moglie mutevole; riciclona seriale con tendenza compulsiva all'ammucchio negli angoli, amica leale, tendente alla puntualità cronica e alla lacrima+sigaretta, professionalmente impeccabile. Contraddittoria e mutevole. Cinica e creativa. Stronza, nella maggior parte dei casi.

venerdì 27 marzo 2009

Under the covers (delirio tra ginecologia spicciola e scazzi cardiaci)

Stamattina,spulciando i miei blog preferiti, la Pat mi ha lanciato il sasso - aspetto ancora che mostri la mano, però... 

Le dimensioni sono importanti?

Oddio... sì. E anche come si usa... lo dico senza vergogna né timore di apparire una donna materialista.

Importano, perchè se almeno il Consorte mi facesse provare qualche brivido, vacillerebbe la mia voglia che questo strazio matrimoniale finisca al più presto. Gli uomini si prendono per la gola, eh? e a me mi* si prende a letto. Solo che lui... boh! Una volta sapeva più o meno divertirsi e divertirmi, ora invece pare un ragazzetto di 14 anni alle prese con un Playboy in carne ed ossa. Usa il mio corpo, si affanna, si dimena, mentre io sono altrove. Non ha cura del fatto che io provi piacere o, più realisticamente, dolore, secchezza, perchè se la testa viaggia via nemmeno il mio corpo viene coinvolto.

Non ce la fa proprio, anche se gliene ho parlato fino allo sfinimento. Penso che farebbe gli stessi identici movimenti se fosse con una prostituta. Non mi bacia. Non mi accarezza. Mi sposta, mi stuzzica appena per farmi allargare le gambe. Poi va per conto suo. E questo, quella volta ogni 3-4 mesi che si degna di toccarmi: per il resto del tempo il sesso per lui equivale solo a chiedermi del sesso orale. Certo... in pace lui, in pace tutti. Mi chiedo: ma prima com'era? Possibile che non me ne fossi mai accorta? E mi rispondo di conseguenza: prima non c'era una fede al dito, non c'era quel senso di scontatezza che prova nel vedermi girare nuda, non c'era quella Me che si è stufata di fingere che vada tutto bene. L'ho sposato, ma cosa significa questo sesso? E' forse sacro, nonostante mi ripugni? E' una comunione benedetta di corpo ed anima, come amano dire gli educatori? E quale figlio potrebbe nascere da un sesso fatto così?

NO. Voglio che mio figlio nasca da un orgasmo del cuore, prima di tutto. Voglio piangere di felicità, e ridere fino allo sfinimento, e urlare e dibattermi e sconnettere la razionalità, a letto. Voglio sentirmi donna, libera di essere maliarda e puttana, desiderata e pudica, provocatrice e appagante per l'uomo che mi vuole. Voglio sentirmi qualcosa di più che una bambola gonfiabile per chi amo.

E difatti, quel Consorte assente, distante, distratto non lo amo. C'ho provato eh... ma no, non più.  E' inutile.

Amo Lui*, Lui nelle cui mani divento creta molle, che non mi pone limiti, che fa esplodere il mio sangue al primo tocco e che mi trascina in amplessi voraci, dove tutto è concesso. Ci facciamo male, ma Dio solo sa quanto ci facciamo bene. Non è sesso, quello: è un regalo immenso, un accomunare carne, fiato, pensieri, brividi, impastarli fino a non capire più dove inizia uno e finisce l'altro. E' coinvolgimento totale, senza fretta, ma con la perizia chirurgica e il cinismo consapevole di chi conosce le mappe della mia pelle ed ogni volta trova sentieri unici, senza paura di arrivare a scoprire dove porteranno. Quante donne ha avuto tra le mani nella sua breve vita? Due, tre? Sta quasi giocando ancora a spogliare la Barbie della cugina, insomma... Eppure ci siamo riconosciuti, e dei tanti che mi hanno scavato dentro Lui è l'unico che non fa male, ma lenisce le ferite altrui.

* lo so che non si dice, ma ci sta tutto.


* nota forse ridondante ma necessaria: non c'è solo il letto ad unirci
Questo per la cronaca e per chi non ha voglia di leggersi il resto dei post.

18 commenti:

  1. Sarà anche per questo che rifuggo il matrimonio al omento?

    RispondiElimina
  2.  
    Io non faccio la crocerossina e non regalo piacere se non mi è stato dato piacere. egoista  forse ma ben felice di esserlo. se non c'è uno scambio diventa tutto squallido. Tanto vale che si paghi qualcuno se non vuole giocare, amare, sperimentare con te.

    RispondiElimina
  3. @ sono solo io: a sapere che sarebbe finita così, anche io sarei fuggita. Non sono contenta di me stessa e di come è andata, alla fine.

    RispondiElimina
  4. "Voglio piangere di felicità, e ridere fino allo sfinimento, e urlare e dibattermi e sconnettere la razionalità, a letto. Voglio sentirmi donna, libera di essere maliarda e puttana, desiderata e pudica, provocatrice e appagante per l'uomo che mi vuole  .Ci facciamo male, ma Dio solo sa quanto ci facciamo bene. Non è sesso, quello: è un regalo immenso, un accomunare carne, fiato, pensieri, brividi, impastarli fino a non capire più dove inizia uno e finisce l'altro. E' coinvolgimento totale, senza fretta, ma con la perizia chirurgica e il cinismo consapevole di chi conosce le mappe della mia pelle ed ogni volta trova sentieri unici, senza paura di arrivare a scoprire dove porteranno.Lui è l'unico che non fa male, ma lenisce ferite altrui." IO COPIO E INCOLLO ,AVREI DA DIRE E DA SCRIVERE ,MA CREDO CHE TU HAI GIA' FATTO TUTTO IL LAVORO ....TI ABBRACCIO TALMENTE FORTE CHE DAVVERO NON PUOI IMMAGINARE  UN BACIO :)

    RispondiElimina
  5. @ Princi: Io regalo piacere, ben volentieri. Però dev'essere qualcosa di non richiesto, almeno a parole. Adoro lo sguardo di chi implora con gli occhi che grondano desiderio, adoro sentirmi artefice di batticuori, adoro un sorriso finale come ulteriore ricompensa. Ma dici bene, è nel gioco, e so che lo stesso piacere nel dare lo proverà Lui, prossimamente.
    @ IoMe: Il tuo abbraccio mi sa di empatia intensa... Ci capiamo, come sempre.

    RispondiElimina
  6. ..quanta verità in quello che scrivi... e quel "orgasmo del cuore" è un'espressione magnifica.
    cerca di trovare serenità e allontana da te chi ti ferisce. non è un anello a tenere insieme due persone, è solo il cuore e la carne.

    RispondiElimina
  7. Non mi sembra una situazione idilliaca. Mi dispiace.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. mi dispiace che tu sia costretta a far questo "in onore del matrimonio" anche se ciò accade di rado, ma accade. ed è una violenza a cui non dovresti sottoporti...

    RispondiElimina
  9. @ Palitas: mi allontano con la testa da certa gente. Per ora posso fare solo questo, in attesa di poter chiudermi una porta alle spalle.
    @ Kylie: grazie dell'abbraccio.
    @ baby: Lo sto facendo sempre meno spesso e, ti dirò, mi sento sempre più in colpa. Vorrei essere fedele a chi mi rende ufficialmente fedifraga. Ma conto di smettere appena possibile.

    RispondiElimina
  10. Ma quale vergogna e vergogna. E' vita. Come hai detto, contano le dimensioni (però, se mi è consentito, non la lunghezza senza larghezza) e ancor di più conta il modo, la qualità. E la cosa più patetica di un uomo è il suo eventuale godere da solo senza accorgersi della mancanza di piacere dall'altra parte, secondo me. Non so cosa aggiungere, se non che ti auguro di poter chiudere quella porta al più presto. Buona domenica sera :*

    RispondiElimina
  11. Per te solo un augurio, dal profondo del cuore: quello di poter godere, serenamente e completamente, le cose belle che la vita ti regala. E di lasciarti alle spalle quello che ti ferisce!!

    RispondiElimina
  12. @ die Zauberflote & Mammaemoglie: grazie mille!

    RispondiElimina
  13. che bel post.
    ti abbraccio tanto tanto

    RispondiElimina
  14. ................
    sai come si dice no? chi tace acconsente...e allora taccio e con piacere...
    kiss..........

    RispondiElimina
  15. @ Eos, Ego, EnergiaCreativa:
    Grazie, mi piace sentire che mi capite...

    RispondiElimina
  16. bello vedere questi tre nick di seguito...
    Eos, dea dell'aurora...di cui si innammora Zeus, Ego..che ci orienta in scelte adulte di ciò che ci fa bene (quando funziona l'ego bene, ovvio) ed Energia Creativa..che è quella sana, che scaturisce dall'incontro sano, di sentirsi di nuovo vivi in un incontro d'amore.
     
    ho pensato molto al tuo post in questi giorni . bacio

    RispondiElimina
  17. @Energia: complimeti finezze le tue che sarebbero fuggite a molti...uhmm... compresa me...
    grazie di avercele fatte notare...
    kiss..........

    RispondiElimina

dimmi, dai... anche se devi insultarmi o darmi della cretina...