Un po' (molto po') di me

La mia foto
Sono una wannabe-molte cose: giornalista, fotografa, animatrice, interprete, scrittrice, designer. O per meglio dire sono una WANTED TO, visto che ho scelto una carriera da creativa che mi ha portato al niente disoccupazionale. MA sono anche: figlia unica (e assenteista), moglie mutevole; riciclona seriale con tendenza compulsiva all'ammucchio negli angoli, amica leale, tendente alla puntualità cronica e alla lacrima+sigaretta, professionalmente impeccabile. Contraddittoria e mutevole. Cinica e creativa. Stronza, nella maggior parte dei casi.

venerdì 31 ottobre 2008

Scherzetto o scherzetto?


Stasera, tanto per fare l'alternativa chic, ho 13 persone a tavola. E, ovviamente, un servizio da 12.
Che non è di quelle cose che dici ma sì, chi se ne accorge. Frega una cippa. Me ne accorgo io e mi si annoda l'intestino a pensarci. Odio non essere impeccabile a tavola.


Coooomunque. Sempre per fare l'alternativa, ieri sera dopo una gustosissima cena-buffet a coronare del sano shopping (vi metto poi qualche fotina) con il consorte (già questo dovrebbe far riflettere sulla straordinarietà dell'evento!!) ho avuto la bell'idea di pigliarmi il gelato. Sì, con 8 gradi fuori. Che poi sono diventati 8 gradi dentro - dentro lo stomaco, beninteso. E alle 11 la ceramica del mio wc ha avuto un incontro coi resti della mia cena non digerita. Ed è anche questa una cosa che odio, davvero: ne ho i postumi per più di 24 ore di solito. Auguratemi tutto ma non quello. Sopporto di tutto, sono una stoica io: malditesta, reumatismi, colpo della strega, maldidenti, torcicollo, crampi, gastrite... ma almeno quello che mangio voglio che finisca per il giusto percorso e non che faccia inversione a U. Da ritiro della patente alimentare.

Ed ora sono qui con la mia tazza di cheerios che fa le bollicine ed io che la guardo in cagnesco. Considerato l'apporto calorico della cena di stasera, considerato che dovrò pur pranzare in una qualche scialba maniera essendo sola soletta, per quale cavolo di motivo non ho azionato il neurone prima di farmi sta chilata di zuccheri? Così domani avrò i bubboni in faccia. E i rotolini che non vanno via più. (lo dicevo anche due anni fa ma poi sono scomparsi senza che mi sforzassi... magia o presa in giro?)

Ah... per la cronaca. Non ho capito il nesso logico che ha portato il consorte ad invitare ad una cena di soli amici, anzi di soli 30enni in carriera, MIA SUOCERA. Non "sua madre", sarebbe quasi come dire "la cara donna che ha partorito e cresciuto quel gioiellino d'uomo". No: "mia suocera" rende di più. Sentite anche voi il suono arcigno della parola?

10 commenti:

  1. gioia ti capisco e ti capisce anche la ceramica del mio wc.
    un bacio gioia.
    ps. io la suocera non l'ho più..e sto d'un bene.

    RispondiElimina
  2. Lo sento eccome! O più che altro lo sentivo, visto che ormai io la suocera non ce l'ho più da 17 anni!! Che culo, eh??..
    Per quanto riguarda il 13° coperto perché non metti alla suocera dei piatti a forma di zucca scavata?? Dovresti trovarne in vendita.. Oppure una zucca vera e propria!..

    RispondiElimina
  3. uh pure tu non scherzi!! si sente il tono si sente eccome........vabbè dai buona serata...magari vengo anch'io dato che il pranzo lo salto! un baciotto

    RispondiElimina
  4. Suocera e madre per me sono uguali... Due rompicoglioni alla pari
    Spero la giornata migliori .
    Cri

    RispondiElimina
  5. ahahahah...si sente...riecheggia....:) bacio

    RispondiElimina
  6. Update: la suocera porta suo fratello. Oltre il danno il danno.
    La ammazzo subito o aspetto che si sia seduta?

    RispondiElimina
  7. come è andata ieri? bacio!

    RispondiElimina
  8. Lo sento eccome! In più la lettura di questo post è stata, come dire... Beh, sto cenando con 500 ml yogurt bianco magro e muesli aggiunti, a dispetto di tutti quelli che m'han detto "guarda che così ti provochi uno smottamento intestinale!". Così, leggo dell'inversione ad U, della tua tazza coi cheerios, poi guardo dentro la mia e scoppio a ridere! Speriamo bene!!
    In ogni caso, inconvenienti biliari a parte, sai che questa nuova serie di eventi straordinari mi lascia piacevolmente stupita? Come dire, da qualche post si è accesa in me la speranza... Sarei davvero felice se tu potessi finalmente vivere serenamente ed amorevolmente col tuo caro consorte!

    RispondiElimina
  9. Oddio come odio quel suono 'mia suocera'...io rompendo i ponti con 'suo figlio' che cmq ora mi corre dietro ho deciso ben bene di romperli pure con lei, tanto vera suocera non è neanche mai stata dal momento che non mi sono mai sposata (e x fortuna) quel gioello falso di suo figlio!!!

    RispondiElimina
  10. Mia suocera e suo fratello... lasme perde...

    RispondiElimina

dimmi, dai... anche se devi insultarmi o darmi della cretina...