Un po' (molto po') di me

La mia foto
Sono una wannabe-molte cose: giornalista, fotografa, animatrice, interprete, scrittrice, designer. O per meglio dire sono una WANTED TO, visto che ho scelto una carriera da creativa che mi ha portato al niente disoccupazionale. MA sono anche: figlia unica (e assenteista), moglie mutevole; riciclona seriale con tendenza compulsiva all'ammucchio negli angoli, amica leale, tendente alla puntualità cronica e alla lacrima+sigaretta, professionalmente impeccabile. Contraddittoria e mutevole. Cinica e creativa. Stronza, nella maggior parte dei casi.

sabato 11 dicembre 2010

A letto con...

seconda parte della wishlist natalizia,
ma stavolta mi do meno al frivolo e più all'intellettuale...


 ... ho seri dubbi, ma voglio leggerlo, almeno per metà, prima di giudicarlo male dal riassuntino online.

 io adooooooooooooooooooooro De Carlo, da "Due di due" in poi. L'avete letto?

 me ne ha parlato bene molta gente di cui condivido i gusti letterari, dunque sarà un successo!?!

 vergognosamente non l'ho ancora letto. Lo consigliate? O lo riciclerò impunemente?

Quello che le mamme non dicono seguendo il blog dell'autrice, non posso che dichiararmi follemente innamorata di lei!

 argh! Non l'ho ancora letto; della Allende mi manca solo questo, quasi...

Natale s'avvicina, io imballo (come si suol dire: sei in pista, allora IMballa!) e maledico vittime casuali e randomizzate, tanto per sfogare i nervi.
Che odio questo periodo. Devo anche tirare la cinghia sui regali, sennò col cavolo che riesco a fare le tende nuove entro Gennaio. Ovviamente io risico e il Consorte no (che lui pensa che il conto in banca sia profondo come una fossa delle marianne). Cazzo. Babbo Natale, se ci sei, accorcia le braccine del Consorte di almenoalmeno 10 cm l'una, così non può arrivare alle tasche. E poi dicono dei piemontesi eh...
Se rinasco lo voglio genovese.
Non voglio tutti quei regali. Voglio che sto periodo di sterco traballante come un budino passi alla svelta.
E nemmeno un panettone.

5 commenti:

  1. Ritratto in Seppia è assolutamente splendido.
    Gli altri non gli ho letti.
    E comunque io preferisco il pandoro.

    RispondiElimina
  2.  Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte è molto bello, anche l'eleganza del riccio è da leggere.
    E spero anche io le feste passino in fretta...

    RispondiElimina
  3. Ritratto in seppia è meraviglioso. Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte l'ho letto due volte. La prima prima (scusa il gioco di parole) della diagnosi del mio bambino. La seconda per capire meglio quello che ci stava capitando. Da mamma di bimbo speciale, l'ho adorato.  L'eleganza del riccio è semplicemente delizioso. Promuovo.
    Gli altri mi mancano...
    Il panettone, senza canditi, grazie :D

    RispondiElimina
  4. "Eleganza del riccio" voto 11... molto molto bello ed evocativamente retrò nonostante non sia ambientato che oggi... intrisa di dolci allegorie la scrittura della Allende, anche se personalmente finisce sempre per "stancarmi" lo spirito... gli altri non li ho letti... però poi voglio che tu ne faccia una bella recensione... grazie

    RispondiElimina
  5. V.M. 18 è, penso , l'apice estremo a cui potesse giungere la Santacroce dopo Flue e Revolver...Io li ho letti tutti. Questo l'ho trovato abbastanza spiazzante..in alcuni casi eccessivo...ma tutto sommato non posso negare di non essermi riuscita a staccare, in alcuni momenti ,dalla sua lettura....
     

    RispondiElimina

dimmi, dai... anche se devi insultarmi o darmi della cretina...